Chat with us, powered by LiveChat

Ho conosciuto questa famiglia in occasione del servizio Newborn della bimba più piccola, tanti anni fa ormai, quando la fotografia era per me quasi un gioco.

E’ stato un grande piacere rivederli oggi in occasione del servizio fotografico di famiglia che Alessia ha deciso di regalare alla sua famiglia.

Un tuffo nel passato.

Scattare raccontandosi di come si sono evolute le cose in questi anni, di tutte le cose che abbiamo fatto e che ci hanno portato fin qui oggi, io con la macchina in mano e loro come soggetti da fotografare.
fa sempre uno strano effetto incontrare i clienti dopo il loro servizio perché ti raccontano cose che non avresti mai potuto sapere, come ad esempio l’uso che hanno fatto delle tue immagini, quali hanno stampato, dove le hanno messe, i commenti delle persone che le vedono. E’ come se le fotografie prendessero vita e si arricchissero di aneddoti, e in effetti è così, è proprio questa la magia delle immagini stampate.

Per la prima volta in questo servizio mi sono portato dietro mio figlio Federico, 5 anni e mezzo di vivacità, piccolo ma allo stesso tempo abbastanza grande da essere una piacevole compagnia anche mentre lavoro. Ormai capisce quale sia il mio lavoro, cosa faccio e come lo faccio e rispetta (quasi) sempre tempi e luoghi.

Una cotta improvvisa.

E capita che da uno svogliato “va bene papo, ti accompagno”, in un attimo si passi a un “non dirlo a nessuno, ma vorrei sposarla”.
Che è successo? Ah, mio figlio ha semplicemente visto ginevra, la piccola della famiglia, quasi coetanea e bella, e a lui la cosa non sfugge.

 

Inutile dirvi che da li inizia uno show tipico dei migliori attori di Hollywood, corse, canti, “attraversate di inquadrature” che ben presto mi fanno pentire di essermelo portato dietro…
Ma in fondo è così bello vederlo contento e felice, preso da una cosa bella come l’interesse curioso verso un altra bimba.

Chiaramente noi adulti non siamo stati a guardare, siamo stati ben felici di sfruttare la situazione per farci due risate e, perché no, per metterli un po’ in imbarazzo, come si fa con i piccoli quando vuoi vedere come reagiscono.
E infatti la fatidica richiesta “Ginevra, dai un bacino a Federico” non tarda ad arrivare curiosi di vedere che succede.

E niente, il mondo da piccoli va al contrario…Ginevra che si avvicina e mio figlio che si sposta quasi intimorito da quelle belle labbrucce innocenti. Iniziamo male mi dico…

E figlio mio davvero? Mi chiedo.

La cosa ovviamente ci fa sbellicare dalle risate e i commenti si sprecano :), un’occasione sprecata e gettata al vento, il matrimonio inizia male…

Che belli i bimbi.

E tutta la loro innocenza, così bella e genuina, così vera e originale. Non mi stanco mai di osservarli e di accorgermi quanto si cambia negli anni, quanto i nostri comportamenti vengono influenzati dalle esperienze, quanto il nostro bambino interiore si trasformi per diventare adulto.

Non mi stupisco che da grandi in molti casi si vada alla ricerca delle sensazioni di quando eravamo piccoli.

Ma bando ai pensieri filosofici, abbiamo da lavorare qui e lo shooting deve riprendere, con il cuore un po’ più leggero e con qualche scatto particolare in più, regalatomi da questi due esseri puri e belli.

Author

Write A Comment

Domande?

SOLO PER POCHE ORE

Shooting BAMBINO ad un prezzo irripetibile!

00
Days
00
Hours
00
Minutes
00
Seconds